So-stare con la pandemia

La pandemia ha sconvolto le nostre vite e, oltre a rimanere per sempre nel nostro immaginario, ha creato un tema di grande attualità: la solitudine, costringendoci a ridurre scambi, incontri, visite e contatti.

Cosa si può fare?
L'incertezza, associata all'imprevedibilità dell'ambiente, è fonte di grande affaticamento emotivo; alcuni effetti si evidenziano nel breve periodo, altri si manifestano a medio – lungo termine.
Attraverso la pratica dell’ascolto attivo, focalizzata nel presente, si agevola l’elaborazione dell’impatto di questo trauma affinché le persone coinvolte possano avere un sostegno e dare voce ad un riconoscimento emotivo.

Parlare è un bisogno, ascoltare è un mestiere!

In considerazione di queste premesse propongo la figura del Counselor professionale che è un professionista della relazione d’aiuto che si focalizza sul “Qui e Ora”, lavorando sul presente e su prospettive future.
Compito del counselor, attraverso la chiave simbolica dell’empatia, è aprire il portone principale di quello spazio d’ascolto capace di riattivare le risorse della persona.
Aiuta l’altro a prendere coscienza del problema o della difficoltà e s’impegna a fornire informazioni utili affinché la persona possa trovare e ricevere il supporto adeguato.

Quando interviene il Counseling?
Il processo della relazione d’aiuto del Counselor si attiva quando il bisogno è presente nel qui e ora, la sua efficacia quindi dipende strettamente dal momento in cui l’aiuto interviene.

Di fronte ad una fase di emergenza, incertezza e/o cambiamento come la pandemia sono diverse l’emozioni che entrano in gioco, ad esempio: shock, disperazione, ansia, confusione, frustrazione, rifiuto.

Ascoltare i bisogni e comprendere il disagio di una persona con empatia diventa un atto molto efficace ai fini del processo di metabolizzazione emotiva e questo facilita la trasformazione e il cambiamento.

Quando i segnali di malessere vengono respinti, sottovalutati o, come spesso accade, ignorati possono crescere e assumere dimensioni tali da richiedere interventi terapeutici, cioè di cura che spettano ad altre figure professionali come ad esempio medici e psicologi.

Quando i segnali di malessere vengono invece colti e ascoltati nelle prime fasi di sviluppo, da fattori di stress, si possono trasformare in risorse utili a migliorare il benessere personale e relazionale.

Obiettivi
Favorire una comunicazione che metta in circolo narrazioni che valorizzano l’emozioni e i vissuti della persona.

Prestare particolare attenzione alla fragilità umana (a maggior ragione in questo particolare momento storico) non come un sintomo da curare ma come una condizione intrinseca che accomuna tutti gli esseri umani.

Incontri di counseling come nuovo servizio alla persona

Propongo il counseling come servizio di consulenza basato sulla pratica dell’ascolto e un’attenzione interessata e partecipativa.
Il colloquio favorisce l’emergere di preoccupazioni, malesseri, dubbi e incertezze.
Il servizio viene effettuato attraverso degli incontri individuali o di coppia volti appunto a favorire un dialogo empatico con la persona affinché esprima le proprie emozioni e i propri bisogni.

Scopri di più

I nostri eventi in anteprima

Resta aggiornato sulle novità

 

Prossimi Eventi

Non ci sono eventi imminenti. Ripassa per vedere gli aggiornamenti.

2022 © SALTOQUANTICO - ALL RIGHTS RESERVED - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | PRIVACY POLICY | DISCLAIMER

Piazza Volontari del Sangue, 4, 21047 Saronno VA